panorama di Shanghai

Shanghai

Marco Croci ci racconta come sono i cinesi, com’è la Cina, partendo dall’osservazione di piccoli e grandi eventi, da situazioni vissute, dai luoghi visitati. Il suo è uno sguardo colto, è lo sguardo di chi vuole capire.

Durante una breve pausa nel suo viaggiare, il narratore osserva, appoggiato a una balaustra, casualmente, dei cinesi che pranzano. I gesti che compiono, i rituali e la combinazioni dei cibi che creano, stimolano la sua riflessione, che si spinge lontano, nella storia, nel significato e nel ruolo dell’individuo all’interno della comunità cinese.

“I cinesi sono differenti”  è un diario di viaggio ricco di situazioni, è facile immedesimarsi nel racconto, io l’ho fatto sia nel ruolo di viaggiatore, sia in quello dell’agente di viaggi a cui Marco telefona agitato quando il taxista smarrisce la strada e i due non hanno nessun linguaggio comune!

I cinesi sono differenti

copertina

Dall’urbanistica, alla poesia, dal linguaggio all’arte, ogni aspetto di una società in furiosa evoluzione e dai potenti retaggi del passato, si rivela agli occhi del visitatore occidentale, che capisce presto di avere un punto di vista sul mondo del tutto diverso.

Il libro è piacevole, curioso e interessante e sono sicura che sarà utile a chi sta per affrontare un viaggio in Cina, per lavoro o per diletto. Ma lo consiglio soprattutto a chi è appena tornato dalla Cina, a chi si sarà sicuramente fatto tante domande e desidera avere delle risposte, o almeno conoscere quelle del nostro Marco Croci.

Più si conosce di un paese e di un popolo che ci si appresta a visitare, più il viaggio sarà foriero di tesori. Conoscere la storia millenaria di un paese come la Cina vi farà godere intensamente ogni cosa e vi aiuterà a capirne la cultura e il modo di vivere. Come sarà importante conoscere la sua storia recente, il suo evolvere verso una modernità dalle cifre sbalorditive. La sfida per la comprensione è enorme e il nostro scrittore lo sa bene, ma la raccoglie e la condivide con noi:

Il viaggiatore curioso ha ben presente il rischio di prendere una parte per il tutto. Ma quando il tutto è troppo vasto da afferrare, una parte è comunque meglio di niente. Perciò sta attento ai dettagli insoliti, che gli fanno aprire gli occhi su aspetti culturali che il turista distratto non coglie, nascosti come sono dentro il caos quotidiano.

.

About the author

Nuccia Faccenda

Personal Travel Assistant
Leggi il profilo

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.